skip to Main Content
Google Analitycs: Come Funziona?

Google Analitycs: come funziona?

GOOGLE ANALYTICS: COS’E’ E COME FUNZIONA

Google Analytics è un servizio Google che bisogna necessariamente installare se si è in possesso di un sito web.

Ha lo scopo di studiare e controllare gli accessi da parte degli utenti all’interno del vostro sito internet, e in più è un programma totalmente gratuito. Avrete a disposizione dati organizzati e le tabelle strutturate quanto più chiare possibili, tanto da monitorare il vostro sito web.

COME SI ATTIVA

Adesso vediamo nel dettaglio come è possibile attivare Google Analytics:

1) Sulla pagina introduttiva di Google Analytics avrete a disposizione una spiegazione sulle funzioni del servizio; potrete qui accedere al programma se siete già in possesso di un account Google, altrimenti basta cliccare su “Crea un account” e seguire le procedure per la registrazione ed effettuare l’accesso.

2) Per completare la registrazione a Google Analytics basta inserire il nome account e poi l’ URL del sito su cui si vuole porre controllo e osservazione.

3) Successivamente alla registrazione verrà rilasciato uno script, ossia un codice HTML che bisognerà inserire all’interno di ogni pagina del sito web che si vuole monitorare.

4) Dall’inserimento del codice all’interno della pagina del sito, Analytics comincerà il suo “lavoro” tracciando ogni accesso. Da questo momento lo scopo del servizio sarà attivo, ma naturalmente il tempo sarà amico, poiché l’intervallo di tempo più sarà lungo e più si potrà avere meglio un quadro preciso delle conclusioni.

GOOGLE ANALYTICS: COME LEGGERE I DATI

È necessario spiegare che Google Analytics è composto da due colonne portanti: a sinistra troverete il menu dove sono presenti tre aree principali che andremo a vedere più nel dettaglio (PUBBLICO, ACQUISIZIONE E COMPORTAMENTO), a destra invece sono presenti i dati che saranno esaminati.

Nella colonna dei dati è possibile impostare un intervallo di tempo nel quale verranno inseriti i risultati per poi analizzarli.

PUBBLICO
La prima area, quella pubblica, va a descrivere la tipologia di utenza che entra nell’area in base al dispositivo, in base alla lingua e/o in base all’area geografica ecc..

Qui sono presenti dati in merito a quelle che sono le visite e gli utenti effettivi, dati che segnalano valori di visita al secondo e altri elementi utili da raccogliere per le analisi.

ACQUISIZIONE
La seconda area è quella dell’Acquisizione, che ha come scopo il capire in che modo gli utenti sono entrati all’interno della pagina web: in maniera diretta, mandati da altri siti o attraverso altre ricerche.

COMPORTAMENTO
L’ultima area è quella del Comportamento. Quest’ultima va ad analizzare quali sono le pagine più viste e ricercate dagli utenti, riuscendo a captare quali sono le parti del sito più cliccate.

IMPORTANTE ANALIZZARE I DATI

Molto spesso l’importanza del controllo d’utenza sui siti web viene preso sotto gamba. La verità è che bisogna pretendere dal vostro webmaster l’installazione di Google Analytics poiché è un modo di avvicinarvi maggiormente ad un marketing di rendimento. Più potrete mostrare che il vostro sito riceve visite, più un’impresa lo considererà strategico per la vendita.

Vediamo ora nel dettaglio le funzioni principali di Google Analytics:
– Impostazione obiettivi e relativo monitoraggio
– Integrazione con AdWords e AdSense
– Funzionalità complete per il monitoraggio delle campagne
– Generazione di rapporti sull’e-commerce
– Monitoraggio di dispositivi mobili, social network e ricerca interna del sito
– Segmentazione avanzata
– Rapporti personalizzati
– Dashboard
– Analytics Intelligence
– Variabili personalizzate
– Esportazione dei dati
– Targeting geografico
– Canalizzazioni

COSA FARE

Inizialmente bisogna essere certi dell’installazione di un codice di monitoraggio e se si è in possesso di una chiave di accesso per subentrare nella piattaforma quando lo si ritiene opportuno; in caso contrario basta richiederlo al webmaster.

Bisogna poi tenere sotto controllo l’aggiornamento dei dati, analizzandoli almeno una volta al mese.

Consideriamo, infine, anche che il servizio Analytics è in continuo aggiornamento, e si avrà quindi la possibilità di ottenere nuovi metodi per l’analisi.

Back To Top